VERSI RITROVATI

5 Ottobre 2007 Commenti chiusi
Categorie:Argomenti vari Tag:

…MENTRE ASPETTO CHE SPARISCI

8 Aprile 2006 7 commenti


togliti dai miei sogni perchè io non possa più svegliarmi la notte
togliti dai miei risvegli perchè io possa avere giornate più serene
togliti dai miei respiri perchè io possa vivere senza singhiozzi
togliti dai miei sguardi perchè io possa vedere oltre
togliti dai miei pensieri perchè io possa riuscire a ragionare
togliti dai miei discorsi perchè io possa parlare d’altro
togliti dal mio cibo perchè io possa gustare nuovamente
togliti dai miei gesti perchè io possa muovermi liberamente
togliti dal mio cuore perchè io possa ricucirlo lentamente
togliti dai miei ricordi perchè solo così potrò ricominciare a vivere

io

MENTRE ASPETTO CHE RITORNI

24 Novembre 2005 6 commenti


Mentre aspetto il tuo ritorno
metto in ordine le idee
non so davvero in quale fortunato giorno
da quella porta spunterai.

Ho aggiustato il lavandino
lo stereo finalmente va
sono un uomo pieno di risorse
in fondo la vita mi conosce già…

Sono qui che ti aspetto
perchè ho voglia di vincere.
Non c’è altro che vorrei
rincontrare gli occhi tuoi
cancellarmi e rinascere…ovunque sei…

Ti mancherà la mia complicità
ovunque sei
qualunque faccia mi somiglierà
ovunque sei
t’impegnerai per non amarmi più
testardo io
che quella fede non l’ho persa mai
accetterò da te qualunque verità.

Sarà come la prima volta
impacciato starò li
cercando di strapparti una risposta
un meravigliosi si!
Ogni amore ha i suoi tarli
ogni storia ha i suoi limiti…
Resistenze non farò
se è destino accetterò anche il rischio di perderti.

Ovunque sei
di maledirmi non stancarti mai
quello che vuoi
ma questo cuore sanguina lo sai.
Vigliacchi noi
ci consegnamo a questa realtà
vivremo poi con questo dubbio per l’eternità…
Svegliarmi dovrei…
la casa è aperta torna quando vuoi
mi trovi qui
perchè non voglio perdermi così.
Mille altre volte ricomincerei
ancora ti perdonerei…

La voglia c’è,
è sempre viva questa nostalgia di te.
Ovunque sei…MI MANCHI…

STRADE DI FUOCO

25 Settembre 2005 2 commenti


Roma, 23/09/2005 Messaggerie musicali ore 23.oo

PRESENTAZIONE DEL DISCO “Baby Bertè”

…IO C’ERO! ;-)

(Grazie Loredana per i complimenti che mi hai fatto…
E’ da paura sto cd!!!…ed ora che c’è la tua firma sopra me lo tengo ancora più stretto!)

Prendo a calci la stessa porta
da anni è una vera mania
ridotta da buttar via
tanto la porta è mia

inevitabile il frontale
quello con lo specchio fa male
e lo sguardo che non cambia mai
il riflesso del dramma

Si lo so
lo so che non dovrei
dire i fatti miei
ma ridere felice
e magari parlando di Nice…

Su strade di fuoco
si finisce per gioco
per l’amore che ho dato
sempre al tipo sbagliato…

Dietro un paio di occhiali neri
neri come i miei pensieri
il muro degli affetti
finiti con i fazzoletti…

…e si lo so
lo so che non dovrei
dire i fatti miei
ma ridere felice
con le amiche a parlare di Nice…

Su strade di fuoco
è finito il mio gioco
dell’amore che ho dato
era tutto sbagliato…

La cura la conosco
anche se è spietata
dare un bell’addio alla cioccolata
rientrare per incanto in quel vestito rosso
e andare a rimorchiare a più non posso…

E ancora una volta
ricomincio da me…e
si lo so
lo so che non dovrei
dire i fatti miei
accettare di uscire più spesso
con le amiche a parlare di sessoooooo!!!!!

Ma strade di fuoco
attraversano il vuoto
un centro deserto
e io sono nel vento…

…un vento leggero…e io…
sono cieloooooooo!!!!!

Loredana Bertè

Categorie:Argomenti vari Tag: ,

TUTTO PASSA

6 Agosto 2005 2 commenti


Le ore
i minuti
i secondi
le cose brutte
le cose belle
una lacrima
un sorriso
un abbraccio
un ricordo
un incubo notturno…

E’ ancora estate e gli angeli esistono.

Categorie:Argomenti vari Tag: ,

LASCIALA ANDARE

5 Giugno 2005 3 commenti

In mezzo alle pagine di questo mio libro ci sei tu
davvero difficile lasciare i ricordi e andare giù
quasi sicuramente tu mi dirai di no
ti chiedo solo un istante ancora un pò…

Lasciala andare come va, come deve andare
è una cometa che già sa dove illuminare.

Sarà l’abitudine, sarà che ogni giorno eri con me
indimenticabile, ancora mi vieni in mente
così incessantemente
come una goccia che cade leggera ma scava dentro me.

Lasciala andare come va, come deve andare…
è una cometa che già sa dove illuminare.

Incontrollabile, imprevedibile
troppo indelebile nelle mie molecole.
E’ così instabile, irriducibile
ma così labile nel cielo come nuvole…

(Irene Grandi)

Categorie:Argomenti vari Tag: ,

NUMBER ?2?

26 Maggio 2005 2 commenti


Ebbene si. Sembra proprio che sia iniziata la stagione delle magre figure.
Sto collezionando un manuale di GREZZE giorno dopo giorno…e meno male che ci sono loro a spezzare la monotonia del lavoro…specialmente quand’è domenica, tutti vanno al mare…e la Magia sta a fa’ i botti rinchiusa nel negozio!
Fresca fresca è l’ultima di sabato scorso. Reparto uomo quasi vuoto.
Entra un ragazzo americano alquanto strano. Alto alto e magro magro, capelli cespugliosi rigorosamente rossi e faccia tempestata di lentiggini.
Il tipo avanza sorridendo, mi indica un modello di jeans e guardandolo a colpo d’occhio gli do la taglia che penso sia giusta per lui.
Dopo 5 minuti questo esce dal camerino e mi si mette davanti. Parlava poco italiano ma capiva abbastanza. Continuando a sorridere inizia a farmi gesti strani dai quali capisco che i jeans gli stavano corti e lui li voleva più a vita bassa.
Scoppio a ridere! Con quei jeans sembrava Fantozzi…se li era tirati sotto le ascelle…apposta gli stavano corti! :-)

Continua a ridere insieme a me, non ha capito un cavolo ma ride.
Mi avvicino a lui e cerco di fargli capire che il jeans è un modello largo a vita bassa e lui l’ha indossato male, dovrebbe tirarlo un po’ più giù sulla vita. Di nuovo non capisce e passo ai gesti. GIU!…PIU’ GIU’!!…devi tirarlo più giùùùù!!!
Il roscio sembra scemo…ride ride ma alla fine pare abbia capito. Con un gesto secco e deciso si cala giù i pantaloni senza neanche rendersi conto che un ciuffo di peli rossi fouriesce da essi e manca poco che il suo uccello fa capolino!

A quel punto che dovevo fa???? Una mia collega vedendo la scena ha iniziato a ridere come una matta e io dietro a lei a dirotto…davanti al roscio sbalordito, con mezzo ciuffo ancora di fuori che continuava a non capire nulla.
Mezz’ora di risata con le lacrime agli occhi e più ridevo più pensavo che se non mi fossi calmata avrei rischiato il licenziamento.
Intanto la mia collega gridava: ?Oh, ma non ce poteva capità uno più ?Bono? stasera??
Il roscio vedendo noi ridere, continuava a ridere pure lui, sempre, naturalmente senza aver capito nulla.
Rientrato in camerino ma sentendo ancora le nostre risate, riesce fuori e mi fa:
“Ma perchè voi due ridete?”
Ahahahahhahahahahahahhahahahhahahah!!!!! :-)

Categorie:Argomenti vari Tag:

MI MANCA

11 Maggio 2005 3 commenti


L’attesa del nostro primo viaggio insieme.
Il cuore in gola durante un volo fatto solo di vuoti d’aria.
La sensazione di calore scendendo dall’aereo.
Gli egiziani che c’hanno subito scucito 10 euro di mancia.
L’holiday Inn con tutte le sue piscine e suoi animatori.
La nostra stanza con l’aria condizionata.
Le formine con gli asciugamani che gli uomini delle pulizie ci facevano trovare sul letto.
La tua mano sulla mia prima di prendere sonno.
L’armatura da snorkling gialla.
La sabbia fina e chiarissima.
I fondali immensi e corallini.
I parchi marini e i tonni che sembravano squali.
Il pane e i dolci con cui ci siamo viziati.
La sveglia la mattina per andare a fare le escursioni.
La digitale sempre in mano.
Il dromedario coi cuscini sulla gobba che si intonavano al costume.
Il jeep safari nel deserto.
Il villaggio dei beduini.
Il cibo dei beduini.
Le mosche dei beduini.
Noi due vestiti da beduini.
I cammelli che t’hanno offerto per lasciarmi li.
Tu che gli hai risposto: “ve la lascio..ma come me li riporto i cammelli a Roma?”
Le amicizie nate sulla spiaggia.
Il torneo di bocce che abbiamo vinto.
Il narghilè alla liquirizia che mi sa tanto non era liquirizia.
Le crepes al cioccolato alle 5 del pomeriggio.
Lo shopping di 1 ora dentro ciascun negozio.
I 100 euri perduti al Casinò.
Il pesce alla brace.
Le gita a Tiran col mare mosso.
I tuoi muscoli abbronzati.
I miei capelli sempre ricci.
La mia ferita sulla gamba nuotando su un corallo.
Il rito dell’amore al lago magico.
HABIBI.
L’Egiziano che rosicava vedendoci abbracciati.
Lo stesso egiziano che ti diceva: “Amico..tu fortunato. Tu avere amore!”
E te che rispondevi: “Certo che sò fortunato. Io almeno ce n’ho una de rompipalle..Voi ce n’avete 3/4!”
La mia ansia mentre andavi a 10 metri sott’acqua con la bombola.
Il sospiro di sollievo quando ti vedevo tornare su.
Il boccaio che s’era spaccato e l’acqua di mare che ho bevuto.
Il pesce napoleone,il pesce farfalla,il pesce arlecchino,il pesce palla,il pesce pappagallo… e Nemo in fondo al mare che giocava tra gli anemoni e con la pinnetta atrofica mi faceva Ciao!

Categorie:Argomenti vari Tag:

5 maggio 2005

7 Maggio 2005 9 commenti


Ore 19.20

In un noto negozio del centro di Roma le commesse si apprestano alla chiusura…quando immancabilmente ecco entrare l’ultimo cliente della giornata. E’ un uomo giovane, sui 35 anni vestito di nero. Avanza nel reparto uomo e trova la sottoscritta con la bestemmia che le si leggeva chiara in fronte.

CLIENTE: Buonasera, mi servirebbe un sottogiacca a maniche corte per un completo.
COMMESSA: Si certo, di che colore è il completo?
CLIENTE: Giacca e pantalone nero.

La gentile commessa comicia a spiegare quelle maglie che aveva appena finito di mettere a posto e mostra al cliente dei sottogiacca semplicissimi nei vari colori moda estate 2005. Rosa, verde, arancio.

CLIENTE: Beh, signorina…veramente avrei pensato a una maglia nera.
COMMESSA: (pensando a un funerale) Ah, capisco…le serve per una cerimonia?
CLIENTE: (ormai entrato in confidenza) Non proprio…in realtà si tratta di una festa in discoteca.
COMMESSA: Ah ecco…e che vai a fare in discoteca tutto di nero…il prete?
:-) :-) :-)
CLIENTE: Ma…ma io sono un prete. Vado al compleanno di uno dei ragazzi che viene a catechismo da me!

…PARAPARA’…PARAPARA’…PARA PA RA’…PA PA’!!!!…Figura m….

Categorie:Argomenti vari Tag:

CHE FINE HO FATTO?

30 Marzo 2005 2 commenti


Pinne, maschera e boccaio rigorosamente nero-gialli come il costumino nuovo che ho comprato per l’occasione…(c’ho messo così tanto a scegliere che il commesso di Decatlhon sta ancora a ride!)

…Stanca dopo un anno di lavoro aspetto con ansia altri 12 giorni e poi…
VIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!

DESTINAZIONE SHARM EL SHEIKH (EGITTO)
che sarà pure da coatti ma almeno pe’na settimana posso finalmente sta’ rilassata…a mostrà ste belle chiappe chiare che me ritrovo!
Ehehehehhe!!!! ;-)

Categorie:Argomenti vari Tag: ,